Turisti allo sbando, la vergogna di Fiumicino

Print Friendly

In attesa di pubblicare nel tardo pomeriggio l’anticipazione della prossima offerta Ryanair, voglio dedicare questo post alla denuncia della situazione vergognosa che ho trovato martedì sera al mio arrivo a Fiumicino.

Per chi non lo sapesse, ricordo che Fiumicino è il maggiore scalo italiano ed è raggiunto in agosto da tantissimi turisti diretti a Roma.
Ma andiamo con ordine.

In perfetto orario il volo Wizzair da Belgrado ci sbarca a Fiumicino alle 22:20 di martedì 16 Agosto.
Viaggiando con il bagaglio a mano mi dirigo velocemente verso la stazione per cercare di prendere il primo treno disponibile.
Arrivo in stazione in una decina di minuti e trovo la prima situazione desolante: è tutto chiuso (biglietterie, bar, uffici informazioni ecc…). 

Tutto chiuso alla Stazione di Fiumicino aeroporto

Poco male, penso, e cerco di capire a che ora parte il treno successivo.

Qui arriva la seconda, e molto più grave, sorpresa: non c’è uno straccio di orario da nessuna parte.
Gli orari cartacei non ci sono, i monitor davani ai binari sono spenti e gli uffici informazioni sono chiusi.
Mi arrangio con lo smartphone cercando sul sito di Trenitalia, ma mi chiedo come facciano i turisti stranieri (e italiani!) che ne sono sprovvisti.

Monitor con le indicazioni tutti rigorosamente spenti

 Risultato della ricerca: il treno successivo era alle 23:13
Questo vuol dire che nel principale aeroporto italiano il treno di sera passa UNA VOLTA L’ORA.

Ma non è tutto: quello delle 23:13 è anche l’ultimo treno che fa tutte le fermate (o quasi visto che non va oltre la Stazione Tiburtina), dopodichè rimane solo il costosissimo Leonardo Express delle 23:38.
Insomma, se arrivate a Roma dopo le 11 e mezza di sera scordatevi di andare via con un treno.

Faccio il biglietto alle macchinette e qui tutto va bene se non fosse che il resto massimo era di 9 euro; in pratica se siete sfortunati e vi trovate li con banconote di taglio grosso mettetevi l’anima in pace e regalate il vostro resto a Trenitalia visto che non c’è modo di cambiare visto che è tutto chiuso.

Ora ho il biglietto e posso aspettare il treno; il primo ad arrivare è il Leonardo Express in partenza alle 23:08.
Capirete che senza indicazioni di alcun tipo si è scatenato il panico tra i turisti che non sapevano se quello fosse o meno il loro treno. Inevitabilmente i pochi romani, come me, presenti sul posto hanno dovuto fare le veci di Trenitalia facendo salire sul treno chi aveva il biglietto per Termini e invitando a aspettare i restanti….vi pare normale???

Finalmente arriva il treno per Tiburtina e saliamo. Il primo dubbio che mi viene è il seguente: ma le macchinette automatiche ora verranno disabilitate visto che non passerà più alcun treno, o Trenitalia ci marcerà facendo acquistare ai turisti ignari il biglietto per un treno che non c’è?
A pensar male si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca.

Si parte! L’odissea per il turista è finita? non proprio visto che non c’è modo di capire in quale stazione ci si trova. 
Essendo sera, infatti, i pochi cartelli alle stazioni non si vedono, gli speaker non annunciano le stazioni e il monitor sul treno, invece di indicare quale è la stazione successiva mostra una molto più utile schermata fissa che recita: “treno ad alta frequantazione”.
Credete che sia esagerato? beh vi basta sapere che ho dovuto fornire assistenza ad alcuni viaggiatori italiani (e ci tengo a precisarlo) che non riuscivano a capire in quale stazioni eravamo e quindi dove scendere.

Ora, mi chiedo, veramente questo è quello che offriamo ai turisti che visitano Roma?
Oltretutto su una tratta in cui Trenitalia pratica tariffe da latrocinio (per la cronaca 8 euro per il treno che fa tutte le fermate e 14 per il treno diretto che va a Termini…entrambi per un totale di circa 40 km)?
E non sto parlando di una situazione capitata in un mese di bassa stagione, sto parlando di Agosto.

Vi invito a postare nei commenti le vostre opinioni/esperienze e vi chiedo di darmi una mano a fare girare questo articolo nella speranza di far arrivare a chi di dovere nota di questi disservizi…Roma merita di meglio!

In attesa di aggiornamenti vi invito a boicottare Trenitalia o, perlomeno, usare questo accorgimento per pagare il treno da Fiumicino a Roma a un prezzo lowcost.

Ricordati le nostre iniziative per vincere un week end a Parigi e per candidare The Passenger ai Blog Awards 2011
Questo post ti ha fatto risparmiare? Offrimi una birra!

About Danilo

Fondatore di The Passenger e viaggiatore lowcost di lunga data...sempre alla ricerca del viaggio più conveniente!