Ryanair: tasse e disservizi a Riga

Print Friendly

Ieri sera, su Facebook, l’amico Luca di OTRAweb mi ha informato in anteprima di una notizia veramente assurda riguardo Ryaniar di cui non ero a conoscenza.

Infatti, oltre ai recenti disservizi legati alla Ryanair Cash Passport e al malfunzionamento del codice captcha, Ryanair ne combina un’altra delle sue.

Ma andiamo con ordine…
Il governo lettone, causa crisi, ha dovuto effettuare dei tagli alla sicurezza dell’aeroporto; per evitare la chiusura dello scalo si è deciso che ogni compagnia aerea che vola da Riga avrebbe aggiunto una voce al costo del biglietto per mantenere inalterati i controlli di sicurezza.

Tutte le compagnie hanno aderito tranne Ryanair che non ha voluto far aumentare il costo dei biglietti (almeno in fase di prenotazione)….risultato?

Dal 1° Gennaio 2012 chi viaggia con Ryanair dovrà recarsi al banco check in dell’aeroporto di Riga e pagare cash la tassa di 7 euro.

In pratica Ryanair venderà il suo biglietto “sgravato” della tassa di 7 euro (potendo così vantare un prezzo più basso) ma il passeggero non la eviterà, anzi sarà costretto a pagarla in aeroporto probabilmente dopo aver contestato una tassa che reputa ingiusta.

Come mi ha detto Luca, che l’altro ieri era a Riga, questo ha causato confusione, ritardi, file e contestazioni con conseguenti disagi per i viaggiatori Ryanair.

Sapete che grazie a Ryanair ho viaggiato molto e a prezzi stracciati, ma non si può non essere obiettivi e dire che la compagnia irlandese ha ormai completamente dimenticato cosa vuol dire aver cura del cliente…

Qui trovate l’articolo completo sul forum di OTRAweb e qui la nota ufficiale sul sito dell’aeroporto di Riga.

Questo post ti ha fatto risparmiare? Offrimi una birra!

About Danilo

Fondatore di The Passenger e viaggiatore lowcost di lunga data...sempre alla ricerca del viaggio più conveniente!