Call Center Airone: disavventura per avere un rimborso

Print Friendly

Ok, potrebbe sembrare che ce l’abbica con il call center di AirOne ma vi garantisco che non è così.

Dopo la storia di Sara (fortunatamente chiusa a lieto fine) mi tocca parlare ancora della scarsa efficienza del servizio clienti della compagnia aerea.

Anche stavolta la segnalazione me l’ha fatta un’utente, Benedetta, che si è trovata in una situazione spiacevole.

Riassumendo, Benedetta ha comprato un volo ma questo è stato cancellato; il 7 aprile richiede (e ottiene!?!?!?!?) il rimborso telefonando al call center (che ricordo essere a pagamento).

Il pagamento però non arriva sulla carta e Benedetta inizia a preoccuparsi visto che la prepagata con cui ha comprato il biglietto scade a fine maggio (perciò se il rimborso non le arriva entro quella data non ci sarà più la carta su cui accreditarlo).

Benedetta allora richiama AirOne per chiedere una tempistica sul rimborso…risposta? Ci vogliono 30-40 giorni °_°

La sventurata non si fida e chiama l’ENAC che le conferma che la compagnia è OBBLIGATA a risarcire entro e non oltre 7 giorni.

A questo punto inizia uno scambio di mail con AirOne alla ricerca del rimborso perduto; la compagnia da la colpa all’istituto di credito.

Benedetta non si arrende, chiede lumi alla sua banca che le conferma che loro accreditano i soldi entro 2 giorni dal ricevimento.

Dopo il call center e le mail, a questo punto, Benedetta inizia a contattare Airone via Facebook sperando di avere indietro i suoi soldi (senza risultato of course). Qui si accorge che il problema non è solo il suo ma ci sono molti utenti (cercare per credere) che stanno, invano, chiedendo un rimborso.

La cosa più incredibile è che tutti vengono, sistematicamente, ignorati da Airone che non risponde a nessuno.

Benedetta però è veramente determinata, così decide di contattarmi e raccontarmi la storia.

Ovviamente l’unica cosa che posso fare io è cercare di dare visibilità alla cosa, un po’ come ho fatto con Sara, nella speranza che anche stavolta Airone risponda e acceleri il riaccredito dei soldi.

Dopo aver pubblicato il post lo linkerò sulla loro pagina Facebook e proveremo a tartassarli un po’ su Twitter (siete tutti invitati 😀 )

Per chiudere, voglio fare una considerazione…

Ma è possibile che ogni volta che ci sia a che fare con i rimborsi deve finire così?

Perché una compagnia vuole 30-40 giorni per effettuare un rimborso? non è un po’ troppo?

Sarebbe bello che anche al momento dell’acquisto si potesse pagare con 40 giorni di ritardo…che ne pensate? 😀

Scherzi a parte, come è possibile che una compagnia come Airone si giochi un cliente per non rimborsarle per tempo 50€? eh si, questo è la somma che spetta a Benedetta…

Confido che Airone si faccia viva anche stavolta, e spero che oltre la nostra lettrice anche tutti gli altri che hanno commentato sulla loro pagina Facebook ricevano, come minimo una risposta…

Stay tuned…

 

About Danilo

Fondatore di The Passenger e viaggiatore lowcost di lunga data...sempre alla ricerca del viaggio più conveniente!