Qualche dritta per Barcellona

Print Friendly

Sono appena tornata da Barcellona (per la precisione questo post QUI ). Siccome (meritatamente) Barcellona è una delle mete più battute per un week end low cost e visto che di trappole per turisti ce ne sono non poche,ho pensato che oltre ad occasioni per il volo e il dormire potesse essere utile qualche dritta enogastronomica low cost.

Immancabile sosta al mercato più pittoresco, colorato e affascinante della città: la Boqueria dove dopo un gustosissimo frullato di frutta ad 1€ (in qualsiasi gusto o mix di gusti lo vogliate) per mangiare posso consigliarvi senza dubbio lo stand 220 dove si mangia benissimo e si spende poco eccolo QUI ,per una tapas di cozze, una di calamari fritti, tortillas patate e cipolla, un piatto si salsiccette chorizos acqua e vino nemmeno 30€ in 2 e non vi dico le loro porzioni! Il pesce poi ve lo cucinano al momento.

Altra sosta low cost da provare è sicuramente Pollo Rico nel quartiere Raval  a 5 minuti di cammino dalla Rambla in Calle Sant Pau 31, pollo, patatas bravas, cipolla fritta (e lo sò ci piace stare leggere in viaggio 😉 ) tortillas, crema catalana, acqua vino e birra €13 a testa! Non lasciatevi ingannare dall’aspetto bettola, si mangia benissimo sia al bancone giù, che in saletta sopra.

Per un boccadillo (panino) e un bicchiere di vino alla Barceloneta in Carreer de la Reina Christina 7  il famosissimo Can Paixano meglio conosciuto come la Xampanerya, non si superano i 5€.

Poco lontano dalla Xampanerya la nostra ultima scoperta  il BO de B in Carrer  Fusteria 14, locale piccolino gestito da 2 ragazzi, pochi tavoli e cibo preparato a vista sul momento, panini o piatti enormi, musica alta, tanta simpatia e tutto rigorosamente sotto i 10€.

 

About Irene

38 anni, sagittario segno viaggiatore per eccellenza, romana doc e per questo sempre in conflitto con la sua adorata città. Da che la memoria mi accompagna sempre in viaggio con la testa, poi da quando la crisi ha inventato il low cost per fortuna anche il corpo si è messo in movimento! Posto preferito dove viaggiare? Il mondo, anche dietro l’angolo, perchè il viaggio è negli occhi di chi guarda, ma se faccio qualche chilometro in più preferisco.