Il capolavoro dei Cavalieri di Malta: la Concattedrale di San GIovanni

Print Friendly

Proseguo con il mio reportage da Malta dedicando un post al primo luogo che ho visitato nell’isola mediterranea: la Concattedrale di San Giovanni a Valletta.

Si tratta della chiesa dell’Ordine dei Cavalieri e, per questo motivo, pur non essendo la cattedrale della diocesi, è la chiesa più ricca dell’isola.

Se esternamente può sembrare una chiesa imponente, ma comunque sobria, all’interno nasconde un trionfo di arte barocca ed è interamente decorata con stucchi ed incisioni ricoperte di foglia d’oro.

L'interno della Concattedrale di San Giovanni

L'interno della Concattedrale di San Giovanni

 

Il pavimento, invece, è impreziosito dai marmi intarsiati delle lapidi dei principali cavalieri sepolti nella chiesa: uno spettacolo di colori e decorazioni.

Una delle lapidi del movimento

Una delle lapidi del pavimento

 

La concattedrale, essendo la chiesa dell’ordine, è composta da 8 cappelle, ognuna dedicata alle aree di provenienza dei cavalieri. Ogni cappella era decorata a spese dei cavalieri delle zona e questo ha comportato una sorta di competizione tra le varie fazioni dell’ordine, contribuendo a farle raggiungere lo splendore odierno.

Ci sono, quindi, la Cappella di Provenza, la Cappella di Germania, la Cappella di Aragona, la Cappella d’Italia e così via…

L'interno di una delle cappelle

L'interno di una delle cappelle

 

La chiesa è quasi interamente decorata dal pittore italiano Mattia Preti (di cui ricorre – e viene celebrato a Malta vista l’importanza della sua opera – il 400esimo anniversario della nascita); mi ha colpito la decorazione della volta con le storie di San Giovanni e, in particolare, i trompe l’oeil utilizzati come espediente per dare l’idea della profondità (vedi foto).

Il gioco di ombre che crea un effetto tridimensionale

Il gioco di ombre che crea un effetto tridimensionale

 

Ma non finisce qui: il vero capolavoro di questa chiesa è l’imponente Decollazione di san Giovanni Battista di Caravaggio.

Vederlo fa vicino è impressionante, i giochi di luce ti fanno sentire parte della scena, nell’attimo esatto in cui San Giovanni viene ucciso ma non ancora decapitato…

L’opera, inoltre, è molto particolare essendo l’unica di Caravaggio ad essere firmata. Dov’è la firma? nel rivolo di sangue che esce dal collo del santo °_°

Decollazione di San Giovanni Battista

Decollazione di San Giovanni Battista

 

Insomma, la Concattettedrale di San Giovanni è una di quelle attrazioni che non potete farvi mancare: l’ingresso costa 6€ per gli adulti mentre il biglietto ridotto per gli studenti è di 3,50€.

About Danilo

Fondatore di The Passenger e viaggiatore lowcost di lunga data...sempre alla ricerca del viaggio più conveniente!