Scoprire l’Italia soggiornando nei borghi antichi diventati alberghi diffusi

Print Friendly

Ormai siamo in piena estate e quindi è molto difficile trovare l’occasione giusta, soprattutto se low cost, per organizzare un viaggio all’estero.  Se si  riesce a scovare un hotel ad un prezzo ancora accettabile, altrettanto non può dirsi per una  tariffa aerea a prezzi contenuti.

Ed allora perchè non guardarsi intorno?  Perchè non provare a  scoprire  l’Italia più vera dove la memoria si fonde armonicamente con  un sistema moderno di ospitalità,  e tutto nel rispetto assoluto  dell’ambiente?

Oggi infatti vorrei parlarvi di una occasione da non perdere non solo per l’estate ma valida tutto l’anno . L’opportunità ce la da’ un nuovo modo di concepire l’albergo  nato da qualche anno in Italia ed in continua espansione anche all’estero. Sto parlando infatti  dell’ albergo diffuso.

Che cos’è l’albergo diffuso?

L’idea di albergo diffuso  nasce dall’esigenza di riutilizzare le case già esistenti donando loro  una nuova vita  senza deteriorare  il territorio con nuove costruzioni. E tutto ad impatto zero!  Si riutilizza e si rivaluta quello che già c’è senza spreco rispettando la natura e valorizzando il patrimonio edilizio.

Come funziona ?

L’albergo diffuso mette a disposizione  tutti i servizi di un normale hotel offerti non in senso verticale come negli alberghi tradizionali, ma sviluppandosi  in senso orizzontale e da qui, anche la definizione di “albergo orizzontale”.

Per l’alloggio, ci sono camere con servizi  o anche mini appartamenti  tutti a poca distanza tra loro e dagli spazi comuni come il bar, il ristorante e la reception . Tutti i servizi tradizionali dell’hotel infatti,  devono rientrare in un perimetro massimo di 200 metri circa.

L’albergo diffuso è quindi una forma di hotel davvero molto speciale. Attorno a questa nuova concezione di albergo è nata una associazione nazionale l’ ADI e sul sito potete ottenere tutte le informazioni utili su cos’è un albergo diffuso e dove trovarli in Italia ed all’estero.

Ultimo in ordine di tempo ad essere stato inaugurato è l’albergo diffuso “Borgo di Castelvetere” autentico gioiello incastonato nel verde d’Irpinia in  provincia di Avellino. Il borgo sorge su i resti di un antico nucleo longobardo che è stato perfettamente conservato anche grazie ad un prezioso restauro che ha  salvaguardato il più possibile l’integrità dei luoghi dotandoli di sistemi tecnologici e di sicurezza all’avanguardia.

Il “Borgo di Castelvetere” si trova nell’Appennino centro meridionale a pochi chilometri dall’unica stazione sciistica della Campania, il comprensorio del Laceno. Un soggiorno in questi luoghi vi permetterà non solo di rilassarvi ma anche di conoscere cultura e  tradizioni popolari che uniscono quelle terre rendendole uniche e speciali.

Avrete modo di gustare le eccellenze dell’enogastronomia irpina come il caciocavallo podolico , le castagne di Montella, il rinomato tartufo di Bagnoli Irpino  oltre ai vini DOCG come il Fiano, il Taurasi e l’ Aglianico famosi in tutto il mondo.

Il Borgo di Castelvetere   è una struttura che  dispone di 17 alloggi (che possono ospitare da 2 ad 8 persone)  ristrutturati nella più rigorosa tradizione architettonica locale. Inoltre,  dispone di un ristorante tipico dove potranno gustarsi  i piatti della tradizione contadina irpina  , una reception, una bottega dove trovare oggetti di artigianato locale , una sala convegni  e vari spazi espositivi sia interni che esterni.

Per maggiori informazioni visitate questo sito e per organizzare le vostre escursioni culturali ed enogastronomiche potete visitare il portale dedicato al turismo in  Irpinia con tante idee ed informazioni utili per le vostre prossime vacanze.

Che ne dite? Non e’ anche questa l’occasione giusta per partire?

 

 

About Antonello

Gli elementi necessari per una vacanza ideale? un hotel pulito ed economico, condizioni meteo favorevoli e ..…una buona compagnia (meglio se low cost!!! )